Fidarsi, con Maria

2015-05-24 10.12.11Dio ci sorprende con il suo amore, ma chiede fedeltà nel seguirlo.

Le parole di Francesco sono una bella sintesi dello spirito che ha animato “Mi fido di te”, la giornata unitaria che ha chiuso l’anno formativo dell’Azione Cattolica diocesana. In una quarantina, dai bambini agli adulti, siamo stati accolti al Santuario della Madonna del Monte di Marta da don Roberto Fabiani, che da eccellente padrone di casa si è messo a servizio di tutti, illustrando quanto significativo sia questo luogo di grande devozione per i martani, ma non solo.

E proprio alla madre di Gesù è stata consacrata questa giornata, con una “Via Mariae” che ripercorrendo tappe della Sua vita ci hanno portato a ripercorrere il senso del suo affidarsi al piano del Signore (in particolare attraverso le riflessioni di don Tonino Bello).

Maria donna della fiducia, i cui tanti sì al piano di Dio ci interpellano sulla nostra capacità di non essere “cristiani a singhiozzo” (per usare un’immagine di papa Bergoglio).

Maria donna in cammino, dalla visita a Elisabetta al Golgota sempre simbolo di un esigente itinerario spirituale, spesso in salita e faticoso, ma sempre generoso e misericordioso.

Maria donna feriale, presente nel suo mondo di Nazaret con lo stile del discepolo, preoccupata che nella sua casa e nella sua quotidianità regni la comunione.

Maria donna del piano superiore, non un piedistallo su cui ergersi, ma il luogo fisico e dell’anima in cui si riunirono lei e gli Apostoli per ricevere il dono dello Spirito Santo.

E la celebrazione della Eucarestia di Pentecoste con la comunità parrocchiale di Marta è stato certo il momento più intenso della giornata, in cui abbiamo potuto sperimentare la bellezza dell’accoglienza, la gioia per il battesimo di una nuova piccola cristiana (auguri a Rebecca e alla sua famiglia!), la condivisione della preghiera, in cui non è mancato un ricordo per le vittime della Prima Guerra Mondiale, in occasione del centenario dell’inizio di quella che papa Benedetto XV definì a suo tempo un’inutile strage.

Non sono mancati poi momenti di riflessione e di gioco sempre sul tema del fidarsi e dell’affidarsi, cercando di capire – nelle relazioni che intrecciano le nostre vite – cosa ci frena e cosa ci consente di aprirci agli altri e alla chiamata di Dio. Una dinamica in cui incomprensioni e timidezza non devono frenarci, lì dove la presenza dello Spirito può superare la nostra piccolezza per farci compiere cose grandi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>